Passa ai contenuti principali

Killing Jane: dosi di furia rock da Milano - by Rentboy '84

Echi punk-hardcore, dosi di furia rock, ritornelli infuocati come molotov sul cemento e tanta "sporcizia" sonora. Ecco i Killing Jane, rockers milanesi nati nel 2010 dalle ceneri di Baby Jane e Radiocaos, un collettivo di cazzuti musicisti abituati da tempo a calcare i palchi di questa povera Italia in lungo e largo e decisi, con questo nuovo progetto, a marcare il territorio "alternative" con la loro energia. La band ha in programma la pubblicazione del suo primo disco e noi, nel frattempo, ci siamo goduti il materiale da loro messoci a disposizione. 5 brani che sputano adrenalina e cavalcate rock a non finire; certo, non mancano momenti più "clean" e rilassati, come la sinuosa strofa di "Senza di Lei" o quella accennatamente tribale di Milano, ma sono, appunto, brevi prologhi che fungono da introduzione, scaldano la platea in attesa dell'ingresso degli attori principali. Credo però che uno dei notevoli pregi dei Killing Jane sia proprio l'aver saputo maneggiare con cura la difficile arte del fragile equilibrio fra "quiet" e "loud": ogni loro traccia è infatti pervasa da questo continuo sali/scendi che ti sbatte, ti scuote, prima ti assopisce e poi ti risveglia all'improvviso come una pentola d'acqua gelida in faccia di prima mattina. Si sente qui tutta l'esperienza ventennale, sia live che di studio, che ha portato la band milanese ad attraversare la scena punk e rock degli anni '90 fino a raggiungere i giorni nostri.I brani vantano una base ritmica solida come la roccia, chitarre che affondano le proprie sudice unghie nella pelle ad ogni plettrata ed una voce, quella di Paolo Restelli, a cui tocca il difficile compito (peraltro riuscito in pieno) di esaltare tutto questo ben di Dio con la sua personalità, di gettare benzina sul fuoco, di spargere sui Killing Jane la polverina magica in grado di farli volare, di fungere da pregiata cornice a questo complesso quadro. Nota di merito va alla traccia "Milano", non a caso singolo da cui è stato tratto il video (disponibile su YouTube): un sincero grido d'amore/odio per la città che ha dato i natali alla band, la quale descrive la doppia faccia della metropoli meneghina, "diamante splendido" e "nero incubo"; un rapporto conflittuale dove regnano disagio, incuria, febbre, decadenza, frustrazione, ma nel quale c'è ancora posto per quell'incondizionato fascino che solo la "nostra città" riesce sempre e comunque a farci respirare.  Rentboy '84
Killing Jane nascono nel 2010 dalla fusione di 2 band (Baby Jane e Radiocaos), da musicisti di esperienza ventennale che hanno attraversato la scena punk e rock degli anni novanta e che decidono di provare a mettere la testa su un nuovo progetto alternative che prevede di rubare molto dai diversi stili in precedenza suonati. Nel 2010 la band registra il singolo “Milano” ma è solo nel 2012 che lo completa con un video e registra altri 4 pezzi per produrre un EP dal titolo “Maledetti voi e il rock and roll”. Oltre a diversi live, la formazione  partecipa al programma musicale “Scary Boom” sulle tendenze alternative rock andato in onda a San Pietroburgo, presentando inoltre il singolo Milano ad una radio Russa 





Commenti

Post popolari in questo blog

Gli America protagonisti dal vivo in Italia ad Agosto!

Blob Agency & Slang Music
presentano

Gli America in concerto in Italia!

In occasione del 40° anniversario, tornano nel nostro paese per un'unica data gli America, la mitica band anglo-statunitense di"A Horse With No Name", "Sister Golden Hair", "Survival" e "You Can Do Magic". Il gruppo, reduce dall'ultima tourneé americana, è impegnato in una lunga serie di date negli States; dopo tre concerti in Francia e all'indomani della data in Israele, sarà la volta dell'Italia. L'inizio del concerto degli America è previsto per le ore 21 e 30 , con possibilità di posti a sedere sin dalle ore 19,00. Gli attuali membri originari degli America sono Gerry Beckley e Dewey Bunnell, dopo la scomparsa, nel 2011, di Dan Peek.
5 agosto 2014 Ore 21.30 Porto Turistico di Boretto, Lido Po (RE) Prezzo biglietto : €uro 25,00 + diritti prevendita


Figli di padri americani e madri britanniche, i tre futuri "America",Gerry Beckley, Dewey Bunnell…

Il rock animale dei Capobranco con il nuovo album Il grande zoo

Capobranco – Il grande zoo
Dopo l’esordio del 2014 e oltre 40 concerti che li hanno portati fino alle Canarie, i padovani tornano con l'atteso secondo lavoro dal rock deciso e trascinante, sporcato da inconfondibili ritmiche funk. Sei tracce che evidenziano come i comportamenti umani, così come le relazioni e interazioni tra persone, non siano poi così diversi da quelli che si trovano nel resto del mondo animale. La civiltà in cui viviamo non è altro che un grande zoo.
Genere: rock/funk/alt rock Label: Jetglow Recordings Distribuzione: Jetglow Recordings
Streaminghttps://soundcloud.com/user-134644730/sets/il-grande-zoo
Dopo l’esordio del 2014 e oltre 40 concerti che li hanno portati fino alle Canarie, è uscito il 20 ottobre 2016 Il grande zoo, l’atteso secondo lavoro in studio dei padovani Capobranco.
Il maxi EP di 6 tracce, pubblicato da Jetglow Recordings, è stato registrato allo Studio2 di Padova e prodotto da Cristopher Bacco.
Paragonati ai Tre Allegri Ragazzi Morti poiché un trio c…

Canzoni per nostra Madre Terra: Garcino presenta "Mother Earth's Blues"

Garcino – Mother Earth's Blues
Nuovo disco per l'ensemble piemontese: una miscela di blues, funk, cantautorato, rock e musica strumentale orientata alla fusion che canta di ecologia, amore, integrazione e buon cibo per focalizzare l’attenzione verso la nostra Madre Terra sovente bistrattata.
Genere: blues, rock, funk, fusion Label: Autoproduzione
Spotifyhttp://sptfy.com/2BQp
Mother Earth’s Blues è il nuovo disco di Garcino, progetto dalle origini piemontesi attualmente composto da Nicola Garassino (chitarra e voce), Andrea Griffone (keyboards) e Roberto Leardi (drums).
Brani che miscelano sapientemente blues, funk, cantautorato, rock e musica strumentale orientata alla fusion per un lavoro che intende focalizzare l’attenzione verso la Madre Terra sovente bistrattata, attraverso la rappresentazione di una serie di situazioni che indirizzano a comportamenti a misura d’uomo, finalizzati a una migliore qualità della vita e nel rispetto del pianeta. Si parla di ecologia, amore, integrazi…